Proteste di Hong Kong

FAVOREVOLE O CONTRARIO?

PRO\VERSI

Dal mese di giugno del 2019 Hong Kong è al centro di forti tensioni a causa delle proteste di massa e delle manifestazioni contro il governo. Le rivolte prendono avvio dall’opposizione a una legge sulle estradizioni in Cina, ma si trasformano presto in una critica serrata allo Stato e alle limitazioni delle libertà personali che impone. I manifestanti chiedono fondamentalmente più democrazia. Le contestazioni si sono dunque estese in una vera e propria opposizione all’ingerenza della Cina nella politica di Hong Kong. L’opposizione popolare all’emendamento alla legge sull’estradizione, poi ritirato, è solo l’ultimo atto di una lunga storia di attrito in vista dell’avvicinarsi della data in cui l’autonomia di Hong Kong dalla Cina, negoziata dal Regno Unito nel 1997, terminerà. Nel 2047, infatti, Hong Kong, secondo i patti sanciti, non potrà più avere standard politici, economici e istituzionali diversi e più autonomi rispetto alla Cina. E la sensazione comune è che Pechino stia già da tempo cercando di erodere, in modo silenzioso e quasi impercettibile, il grado di autonomia di Hong Kong.

no-image

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

INGERENZA UMANITARIA

GILET GIALLI

 
01

Gran parte dell’Occidente condanna la politica di Xi Jinping

FAVOREVOLE

Sia il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che il segretario di Stato Mike Pompeo hanno pubblicamente invitato la Cina al dialogo. In Italia, diverse forze politiche si sono schierate con i manifestanti e contro la violenta repressione delle autorità cinesi. Tra questi il Partito Democratico, che ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla situazione di Hong Kong.
Carlo Pelanda, professore di Geopolitica Economica all’Università degli Studi Guglielmo Marconi, ha evidenziato invece i primi segni di cedimento del sistema cinese riscontrabili nella situazione di instabilità di Hong Kong. Mentre Stefania Stafutti, professore ordinario di Lingua e Letteratura Cinese all’Università di Torino e direttrice di parte italiana dell’Istituto Confucio dell’ateneo, ha scritto una lettera aperta al presidente Xi Jinping, invitandolo al dialogo con gli studenti di Hong Kong. Papa Francesco ha inviato un telegramma alla leader di Hong Kong Carrie Lam auspicando una rapida e pacifica soluzione.

CONTRARIO

Il presidente cinese Xi Jinping, nel corso del vertice dei Paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) a Brasilia, ha parlato della situazione creatasi a Hong Kong e della volontà della Cina di ristabilirvi al più presto l’ordine. Anche il Primo ministro cinese Li Keqiang ha dichiarato pubblicamente che la Cina sostiene il governo di Hong Kong ed è decisa a porre fine al caos e ristabilire l'ordine. Il governo dell’ex colonia britannica, guidato da Carrie Lam, ha condannato pubblicamente in più occasioni le violenze dei manifestanti e giustificato l’uso della forza da parte della polizia. In Italia, invece, il Movimento 5 Stelle, il partito maggioritario al governo, si è posto su una posizione neutrale di non ingerenza. A confermarlo, le dichiarazioni del ministro degli esteri Luigi Di Maio e del senatore Gianluca Ferrara.

Loading…
Loading…
Loading…
Grazie per la tua opinione
Condividi e fai conoscere la tua opinione
Loading…