Dovrebbero esserci più personaggi LGBT nei film d'animazione della Disney (pubblicato da The Rift)

FAVOREVOLE O CONTRARIO?

Discussione lanciata da: The Rift

La pubblicazione qui proposta è una fedele traduzione di un dibattito pubblicato sulla testata giornalistica “The Rift” (per la versione originale visita Should there be more lgbt characters in Disney animation films?).
Perché pubblichiamo articoli di altre redazioni?
Sul sito Pro\Versi vogliamo dare spazio a siti esteri che abbiano un obiettivo affine al nostro: aiutare i lettori a informarsi e formarsi un’opinione propria attraverso i pareri degli esperti dei vari settori, per facilitare impegno civico dei cittadini e favorire un dibattito calmo e razionale. La traduzione e pubblicazione di dibattiti esteri ci consente inoltre di arricchire i nostri contenuti di punti di vista differenti, non limitati a un orizzonte nazionale.
Le caratteristiche che accomunano gli articoli che ospiteremo sono: la trattazione delle tematiche in termini pro/contro e la presenza nei dibattiti di soli opinionisti autorevoli e impegnati.

The Rift

Questo sito nasce come risposta ai fenomeni detti “camere d'eco” e “bolle di filtraggio”. Entrambi sono il risultato di un sistema chiuso a causa di algoritmi personalizzati su Internet o di informazioni ripetute e amplificate. Questi fenomeni sono rafforzati dalle reti sociali, dalla crescente mancanza di fiducia nei media tradizionali e dall'apparizione di un importante flusso di fake news attraverso nuovi canali di informazione.
L'idea alla base del Rift è quello di fornire, per ogni argomento di dibattito, una sorta di perizia basata su un approccio pro/contro, curato da due esperti. Questi relatori sono credibili e legittimati ad esprimere il loro punto di vista sull'argomento. Non sono necessariamente esperti accademici, ma piuttosto professionisti che si occupano dell'argomento del dibattito, attivisti o politici.

 
01

Costruire la tolleranza e l'accettazione delle persone LGBTIQ attraverso l'animazione

FAVOREVOLE

Tesi di Jessica Stern, direttore esecutivo di OutRight Action International

 

Costruire la tolleranza e l'accettazione delle persone LGBTIQ attraverso l'animazione.

I film d'animazione Disney sono un punto fermo della crescita dei bambini di tutto il mondo. Sono una fonte di intrattenimento, ma anche di lezioni di vita: le trame informano i bambini e plasmano la loro comprensione del mondo.
Di conseguenza, la responsabilità che grava sui produttori di film Disney è ancora più grande. Ed è una responsabilità che la Disney ha abbracciato sempre di più. Sono finiti i giorni in cui Biancaneve aspettava che il Principe la salvasse: i film più recenti hanno presentato personaggi femminili dotati di potere e hanno affrontato tematiche razziali e di salute mentale.

L'inclusione di un maggior numero di personaggi LGBTIQ non farebbe altro che rappresentare la realtà.

La Disney ha anche migliorato la rappresentazione della diversità che esiste nella vita reale. Sempre più spesso i personaggi provengono da tutti i ceti sociali, non sono più rappresentati con forme del corpo irrealistiche, sono di razze e nazionalità diverse.
Tuttavia, i personaggi e le storie di lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali e queer (LGBTIQ) sono rimasti finora assenti. La situazione dovrebbe cambiare.
A causa della stigmatizzazione che subiscono le persone LGBTIQ, molti tengono nascosta la loro identità, quindi, sapere quale sia la percentuale di persone LGBTIQ nella società è impossibile. È anche irrilevante. Le persone LGBTIQ sono sempre esistite, esistono oggi e continueranno a esistere in tutto il mondo. Attualmente, questa esistenza è del tutto trascurata nella cultura popolare. Includere più personaggi LGBTIQ rappresenterebbe semplicemente la realtà.
Oltre alla rappresentazione della diversità esistente, non si può negare il potere educativo dei film d'animazione. Moana incoraggia le ragazze ad abbracciare la forza e a credere in se stesse, Zootopia affronta i temi delle relazioni razziali, mentre Frozen abbraccia l'individualità e la differenza. Allo stesso modo, la presenza di personaggi e storie LGBTIQ incoraggerebbe l'accettazione e la tolleranza e ispirerebbe i giovani LGBTIQ a seguire i loro sogni.

Non si può negare il potere educativo dei film d'animazione

La visibilità è incredibilmente importante. La rappresentazione delle persone LGBTIQ nella cultura popolare normalizza le identità “queer” e fornisce un quadro di riferimento. Il bullismo nei confronti dei giovani LGBTIQ è un problema in tutto il mondo proprio perché l'unico quadro di riferimento è quello etero-normativo cis-gender, lasciando un vuoto di conoscenza e di comprensione che può portare al rifiuto e all'esclusione violenta. La conoscenza di personaggi LGBTIQ fin dalla più tenera età farà sì che i bambini non siano sorpresi o spaventati quando incontreranno persone LGBTIQ nella vita reale e potrà anche contrastare i pregiudizi promossi da altri.
Oltre a promuovere la consapevolezza e la tolleranza nella società in generale, la rappresentazione di personaggi LGBTIQ può essere un'ancora di salvezza fondamentale per i bambini LGBTIQ. Non adeguarsi alle norme dominanti può essere difficile in qualsiasi momento della vita, ma lo è soprattutto per i giovani. Non c'è da stupirsi che il tasso di suicidi di giovani LGBTIQ sia sproporzionatamente alto. Avere personaggi LGBTIQ con cui relazionarsi nei film d'animazione farebbe capire ai ragazzi LGBTIQ che essere LGBTIQ va bene, li rassicurerebbe sul fatto che non sono soli e li incoraggerebbe ad abbracciare questi elementi della loro identità.
Tuttavia, quanto sopra è vero solo se fatto in modo responsabile. I personaggi LGBTIQ non devono essere oggetto di scherno o il cattivo dominante. L'identità di genere e l'orientamento sessuale non devono essere confusi, né si devono perpetuare miti dannosi. Inoltre, l'essere LGBTIQ è solo un elemento dell'identità di una persona, e questo dovrebbe riflettersi anche nei film d'animazione.
Se la Disney intensifica la rappresentazione responsabile delle persone LGBTIQ nei suoi film d'animazione, come ha fatto con il rafforzamento dei personaggi femminili e affrontando questioni importanti come la razza, la diversità culturale e la salute mentale, non ho dubbi che l'accettazione delle persone LGBTIQ crescerà a dismisura!

 
02

La moderna politica dell'identità non dovrebbe avere alcun ruolo nell'intrattenimento dei bambini

CONTRARIO

Tesi di L. Brent Bozell III, fondatore e presidente del Media Research Center

 

La moderna politica dell'identità non dovrebbe avere alcun ruolo nell'intrattenimento dei bambini

Non dovrebbero esserci più personaggi omosessuali nei film d'animazione Disney e non dovrebbero essercene di meno. Non dovrebbero essercene. Né dovrebbero esserci personaggi antiomosessuali. Né cattolici o anticattolici, né ebrei o antisemiti, né sostenitori del cambiamento climatico o negazionisti del cambiamento climatico. L'identità e la storia di qualsiasi personaggio che non sia il motore di un semplice racconto per bambini riflettono le preoccupazioni degli adulti.
Questo dibattito non riguarda la presentazione di personaggi omosessuali. Si tratta di presentare personaggi come omosessuali. Si tratta di promuovere lo stile di vita gay. Ma perché fare l'una o l'altra cosa?

Nel 2017 solo il 3-4% della popolazione era LGBT

La moderna politica dell'identità non dovrebbe avere alcun ruolo nell'intrattenimento dei bambini, certamente non a spese della verità. Hollywood ci dice costantemente che riflette solo la realtà. Ecco la realtà: nel 2017 solo il 3-4% della popolazione era LGBT. Eppure, la GLAAD vuole che il 20% dei personaggi televisivi sia gay. Quale quota hanno stabilito come accettabile per gli spettacoli animati della Disney?
Perché mai i bambini devono essere sottoposti a questo? Perché non si può permettere loro di essere... bambini? Anzi, perché gli adulti dovrebbero essere sottoposti a questo? Secondo Pew Research, il 55% degli adulti è contrario allo stile di vita gay. Dov'è la preoccupazione per la maggior parte dei genitori che trovano questa propagazione discutibile per i loro figli?
Per favore, per favore: Non accusatemi di essere omofobo. Non ha senso. La maggior parte degli adulti che guardavano Paul Lynde in Hollywood Squares, o David Hyde Pierce in Frasier, o Charles Nelson Reilly in Laugh-In sapevano che l'attore era gay... e a nessuno importava. Erano tutti lì come comici ed erano gay.
Vittimologia. Mi ha stancato. Sono un cattolico romano. Siamo 51 milioni. Chiediamo che la Disney promuova attivamente e solo positivamente i personaggi cattolici! Il 65% degli americani è cristiano. La Disney deve far ritrarre il 65% dei suoi personaggi come modelli cristiani!
La Disney non lo permetterà mai. La Disney non ammette un solo personaggio cattolico nei suoi film d'animazione. Mi chiedo se sia possibile trovare un solo cristiano. Questa, vedete, è la proiezione di un programma.

Tutto questo non ha nulla a che fare con l'intrattenimento dei bambini.

Walt Disney disse: "Quando progettiamo un nuovo film, non pensiamo agli adulti, né ai bambini, ma solo a quell'angolo bello, pulito e incontaminato che c'è nel profondo di ognuno di noi e che forse il mondo ci ha fatto dimenticare e che forse le nostre immagini possono aiutare a ricordare".
Perché la Disney non riesce a tornare a questo?
Frozen, il film originale della Disney del 2013, è stato criticato da alcuni adulti di sinistra perché "troppo bianco". Altri hanno visto l'eroina Elsa come una lesbica. Il nuovo Frozen II include temi di colonialismo e riparazione, ed è così infuso di politica radicale che persino un recensore di “Slate”, un giornale di estrema sinistra, lo ha trovato sconcertante. Ma poche decisioni sono così stupide come quella che la Disney ha scelto di prendere con il remake dell'iconico film Lady and the Tramp, sicuramente uno dei film d'animazione più dolci mai prodotti. La canzone del gatto siamese è stata eliminata a causa delle sue sfumature razziste.
Un solo bambino sulla faccia del pianeta Terra ha mai ascoltato quella canzone e ha trovato sfumature razziste? E la canzone successiva, una canzone italiana sul cibo italiano cantata da due personaggi che parodiano gli italiani? Perché è ancora lì? Fuori, fuori, fuori!
Tutto questo non ha nulla a che fare con l'intrattenimento dei bambini, ma con l'indottrinamento all'ideologia di sinistra. Aggiungere altri personaggi LGBT ai film Disney non fa altro che allontanare l'azienda dal suo scopo.

E tu, sei favorevole o contrario? Esprimi la tua opinione!

Loading…
Loading…
Loading…
Grazie per la tua opinione
Condividi e fai conoscere la tua opinione
Loading…